Un’analisi della corrosione degli apparecchi Cree®


Estratto:: I corpi in alluminio utilizzati per gli apparecchi da illuminazione Cree, abbinati al rivestimento DeltaGuard™, sono già stati sottoposti a test di corrosione e i risultati sono riportati in un documento del maggio 2008. I risultati di quello studio hanno evidenziato che dopo 5.000 ore in un’ambiente sottoposto a nebbia salina, i corpi hanno superato il test di corrosione con un punteggio di 4, secondo lo standard ASTM 1694 D, procedura A. In seguito alla pubblicazione del documento del 2008, è stato chiesto a Cree se altre parti degli apparecchi esposti all’ambiente avrebbero conseguito gli stessi buoni risultati. In particolare, la domanda verteva sui dissipatori di calore in alluminio estruso e sulle NanoOptics™ utilizzate per riflettere la luce dei LED. Questo documento intende dimostrare non soltanto che l’apparecchio Cree completo sopravvivrà a 5.000 ore di test in nebbia salina, ma anche che la resa luminosa non ne risulterà compromessa. In base a questo studio è stato concluso che le leghe di alluminio estruso hanno superato la resistenza alla corrosione e la resa luminosa degli apparecchi Cree non ha subito conseguenze negative in seguito a all’esposizione di 5.000 ore all a nebbia salina.

Un’analisi della corrosione di rivestimenti e leghe di alluminio


Estratto:: L’incremento degli scambi commerciali a livello mondiale ha portato all’introduzione di un’ampia varietà di rivestimenti e corpi di alluminio nel settore dell’illuminotecnica. Spesso sono stati installati prodotti economici con risultati di corrosione inaccettabili. In risposta a ciò, alcune agenzie/governi stanno cercando di regolamentare il tipo di lega di alluminio che può essere utilizzata. Questo tipo di lega presenta generalmente un contenuto di rame estremamente ridotto e risulta pertanto molto più resistente alla corrosione delle leghe più tradizionali. Lo standard di lega di alluminio a basso tenore di rame al quale si fa spesso riferimento è la classificazione LM6 della norma BS 1490. Purtroppo, questo tipo di lega è spesso più costosa, più difficile da fondere o da lavorare e può non conferire la stessa resistenza strutturale (troppo duttile) delle altre leghe disponibili. Questo documento intende dimostrare che non è così vantaggioso regolamentare l’uso di una lega specifica per controllare la corrosione, quanto regolamentare la combinazione di lega e rivestimento in modo da soddisfare determinati requisiti di test alla corrosione. Pertanto, questo documento esamina i risultati di un test a nebbia salina della durata di 5.000 ore eseguito su leghe pressofuse comuni che variano in termini di contenuto di rame, sulle quali erano stati applicati rivestimenti diversi. Sulla base di questo studio è stato concluso che le leghe di alluminio con un tenore di rame superiore a quanto consentito dalla LM6, possono evidenziare una resistenza alla corrosione decisamente superiore se vengono applicati i rivestimenti adeguati. Queste leghe presentano anche un’integrità strutturale maggiore e la resistenza alla trazione necessaria per molte applicazioni in campo illuminotecnico.